Sponsor

Sponsor

Sponsor

Sponsor

Sponsor

Sponsor

Sponsor

Sponsor

Sponsor

Sponsor

Sponsor

Sponsor

Sponsor

NewsE ora parliamo di educazione!
14/9/2011
News

In un mondo che si muove tra rapidi processi di globalizzazione e corse sfrenate all’innovazione tecnologica, sempre più spesso si torna a parlare di “educazione”. In seguito alla crisi economica, molti paesi in tutto il mondo stanno cercando la via per una riforma dell’istruzione e dei sistemi educativi. Accade negli Stati Uniti, in Canada, in Brasile, in India e in Cina. La riorganizzazione dei sistemi educativi è una mossa strategica fondamentale con la quale i governi cercano di garantire nuove prospettive di crescita.

Fondazione Patrizio Paoletti, uno dei pochissimi enti di ricerca italiani che si occupano di neuroscienze applicate alla pedagogia, promuove da oltre 10 anni un’idea: educare significa investire sul futuro dell’umanità. “Nel bambino si costruisce l’uomo”, diceva Maria Montessori; da cosa quindi, se non dalla qualità degli uomini, dipende la qualità della società in cui viviamo?

“Oggi il mondo cambia con una velocità straordinaria”
(Patrizio Paoletti), cambia la quotidianità, cambiano i valori e le esigenze. Diventa una priorità assoluta riflettere con profondità sui metodi educativi per comprendere come preparare al meglio i nostri figli al futuro che li attende.

In questi ultimi mesi ci accorgiamo con piacere che i media dedicano al tema sempre più spazio. Sono molte, ad esempio, le riflessioni che i principali quotidiani italiani (La Repubblica, il Corriere della Sera, La Stampa, ecc.) pubblicano in occasione dell’inizio dell’anno scolastico. C'è poi chi va oltre, come il periodico mensile “Wired”, che nel suo numero di settembre, dedica un'ampio spazio all’educazione, con articoli di grande interesse e di straordinaria profondità, che consigliamo a tutti di leggere.

L’attenzione dei mezzi di comunicazione è importantissima perché materie complesse e specialistiche, come l’educazione, la ricerca e la didattica, possano essere approfondite  dall’opinione pubblica, coinvolgendo nel dibattito sempre più persone.

Quando Patrizio Paoletti e la sua equipe pedagogica realizzavano, diversi anni fa, i primi progetti per l’arricchimento culturale dei bambini in Italia, i training per i genitori o gli studi sulla correlazione tra linguaggio, movimento e cognizione, questi temi non trovavano lo stesso terreno fertile per la loro divulgazione.

Oggi la sensibilità è cambiata grazie al lavoro di molti. Parlando di educazione, le istituzioni, i media e l'opinione pubblica finalmente partecipano e ravvivano il dibattito, raccogliendo e fornendo nuovi spunti per il miglioramento dei metodi educativi.

Ci auguriamo che quest’attenzione si mantenga viva nel tempo e che sempre più persone, così come da sempre fanno i sostenitori della Fondazione, prendano a cuore il futuro dei nostri figli scegliendo consapevolmente di garantire le migliori opportunità che questo nuovo mondo offre all’infanzia.


Educazione   |   Ricerca   |   Maraviglia   |   Junior Training: le vacanze educative   |   I Kit didattici



Vai all'archivio news
Progetto Regione di Calabria Regione Umbria Comune di Assisi Provincia di Perugia Regione Umbria Fondazione Patrizio Paoletti
 
  Maraviglia